Tra jazz, “Wall-E” e lezione sul Parco chiude con successo la sesta edizione

Il presidente Giustiniani presenta a 160 ragazzi Guido Baldi, “capo” dei guardiaparco di Bracciano

La sera di domenica il magnifico concerto jazz del complesso “The Scoop”, guidato da Dino Pesole, giornalista del “Sole 24 Ore” e spostato con un “piano B”, per rischio di pioggia dalla piazzetta al coperto del ristorante “Al Capannone”. E, la mattina di lunedì 25, l’allegro assalto al cinema Palma dei ragazzi delle Scuole Medie di Trevignano, accompagnati da preside e professori. Un appuntamento fisso, al quale il Trevignano FilmFest non vuole rinunciare, per creare il pubblico di domani e per contribuire al processo educativo, partendo dal tema annuale della rassegna. E poiché quest’anno ci siamo occupati di come il cinema immagina il futuro, agli oltre 160 ragazzi che hanno riempito entrambe le sale del cinema è stato proposto il classico, e impareggiabile film di animazione, Wall-E di Andrew Stanton, con protagonista il robottino rimasto solo sul pianeta terra invaso dai rifiuti, che continua inesauribilmente a compattare, mentre gli umani si sono trasferiti su un’enorme astronave.

Dopo il film e la merenda, offerta come sempre ai ragazzi dal supermercato Carrefour, rientro al cinema per ascoltare la lezione del responsabile delle quindici guardie del Parco dei Laghi di Bracciano e Martignano, Guido Baldi, che ha parlato della grande limpidezza delle acque lacustri comprese nella loro giurisdizione. E una prova ne è la presenza di vegetazione subacquea finché c’è luce, ovvero sino a 23 metri dal livello superiore dell’acqua, mentre nel vicino e più inquinato lago di Vico la vegetazione finisce a 9 metri dalla superficie. Misurazioni effettuate dallo stesso Baldi, con altrettante immersioni subacquee. Ciò non toglie che una recente analisi, i cui risultati esatti debbono essere ancora divulgati, abbia registrato la presenza di microplastiche anche nelle acque del lago di Bracciano, che poi inevitabilmente finiscono nei rubinetti di Roma.  A proposito della captazione effettuata dall’Acea, questa è l’unica responsabile dell’abbassamento di circa 2 metri del livello del lago. La siccità non ha influito minimamente, tanto è vero che, ha spiegato Raffaella dell’ufficio Comunicazione del Parco, nel contiguo lago di Martignano il livello non si è abbassato nemmeno di un centimetro. I ragazzi sono stati invitati a denunciare chi inquina, chiamando il numero 06   99801176. La multa è di 600 euro, e quest’anno ne sono state comminate una ventina.

Nel pomeriggio “Wall-E” è stato riproposto per il pubblico adulto, seguito dal film sperimentale (in parte di animazione, in parte no) “The Congress” di Ari Folman e dallo stupendo documentario “A Good American” (In italiano “Il prezzo della sicurezza”) che racconta la storia del cripto analista dell’agenzia della sicurezza americana Nsa William Binney, che avrebbe potuto evitare la strage dell’11 settembre, se si fosse dato spazio e credito alla sua unità.

Passa così agli archivi la sesta edizione del Trevignano FilmFest che, nonostante la difficoltà dei temi trattati, l’incidenza dei documentari rispetto ai film di fiction superiore agli altri anni, l’assenza di film italiani sulle tematiche del futuro, ha registrato ancora una volta un pieno di pubblico alla dozzina di proiezioni proposte, e una forte presenza sui media. Si sono occupati di noi: Il Messaggero (con due distinti articoli più un altro nell’edizione digitale) Il Corriere della Sera, Il Fatto, repubblica.it, Il Venerdì di Repubblica, Zapping di Radio Rai, Rai News 24 che ha inviato una troupe, tv Rai Regione, oltre alle agenzie Ansa e Adnkronos e a moltissimi siti, di cui troppo lungo sarebbe l’elenco. Abbiamo onorato in pieno il patrocinio che la Camera dei Deputati ha voluto darci. E adesso, al lavoro per l’edizione 2018.

Lascia un commento